Tai Qi JuanCosa c’entra il TaiJiQuan con lo Shiatsu? Continua a leggere e ti chiarisco tutto.

Sono uno shiatsuka, pratico e insegno materie collegate allo shiatsu.

La sorpresa  piacevole di molti studenti che iniziano a praticare queste discipline orientali, è quella di vedere il proprio livello di energia e di benessere, migliorare in modo naturale e senza sforzo, giorno dopo giorno.

E’ vero, bisogna praticare ed essere costanti, ma benefici e risultati arrivano anche quando si parte da una condizione non proprio di ottima salute.

Se poi, si ha la fortuna di incontrare un vero maestro, i progressi sono molto più evidenti e celeri.
È un caso? O è il frutto di una scienza, di un’arte e di una cultura che non comprendiamo?

Io credo che sia scienza, arte e cultura, in un insieme interconnesso e inseparabile.

Adesso ti voglio fare alcune domande:

  • Ti è mai capitato di sentire la tua vitalità, la tua salute e il tuo benessere peggiorare giorno dopo giorno?
  • Ti è mai capitato di sentirti in trappola, in logiche e schemi che non ti appartengono, senza riuscire a trovare soluzioni?

Lo chiamano, lo stress della vita moderna. Io ci sono passato e so bene come ci si sente. Sono arrivato al punto in cui, il disagio e la mancanza di equilibrio nella mia vita, mi ha portato a sottopormi a continue visite mediche, di altrettanti specialisti diversi, senza vedere alleviato il mio malessere.

Sono rinato con lo studio e la pratica dello Shiatsu, delle discipline che si rifanno alla Medicina Tradizionale Cinese e alla saggezza delle filosofie orientali.

Studio e pratico lo Shiatsu e discipline energetiche, da quasi dieci anni. Insegno “Do In” da oltre quattro anni.

Una svolta nelle mie pratiche energetiche, è arrivata con la scoperta del Nei Qi Gong che pratico da due anni, sotto la guida di Sifu Costantino Valente e del suo più anziano ed esperto allievo  Sifu Stefano Stefanelli (a mio parere sono i massimi esperti nel campo delle arti marziali ed energetiche in Europa).

Quando ho iniziato io la pratica del Nei Qi Gong, dovevo fare oltre 600 km di strada per incontrare i miei maestri. Lo facevo ogni tre/quattro mesi, per imparare le nuove tecniche da praticare poi, a casa.

Gli incontri erano di durata variabile, dai due ai quattro giorni. Immaginate, quanta determinazione e sacrificio, da un punto di vista anche economico, che questo comportava: spese di viaggio, hotel, etc…

È stato bello fare l’esperienza negli incontri di Senigallia. Ho incontrato tante belle persone innamorate delle discipline orientali, energetiche e di crescita personale. Da ognuno di loro, ho imparato qualcosa e scoperto nuove realtà che mi hanno arricchito, come uomo e come professionista. Un giorno te ne parlerò.

Un pensiero ricorrente, durante gli incontri a Senigallia, era questo: “Magari riuscissi a portare questi grandi maestri in Puglia, a casa mia. Darei la possibilità di scoprire queste grandi pratiche a molta gente, che non può o non vuole fare tanti chilometri, oppure non può affrontare la spesa di tutto questo”.

Il sogno è la semenza della tua realtà di domani

Sogna e pensa. Pensa e sogna. Quel sogno adesso è realtà. Abbiamo avviato il primo corso di Nei Qi Gong in Puglia, l’anno scorso nella splendida location di Masseria Rocca Pampina.

Sono felice di aver realizzato quel piccolo sogno e, lo sono ancora di più, guardando la faccia dei miei amici pugliesi soddisfatti e sorridenti. Sifu Stefano Stefanelli ha entusiasmato tutti, anche i più scettici.

Adesso un’altra avventura ci aspetta. L’avvio del percorso che, da zero, porterà gli studenti a diventare istruttori di TaiJIQuan.

Il primo incontro di Taijiquan, di dieci, si terra il prossimo 29 e 30 Aprile nella nostra solita location: Masseria Rocca Pampina. Gli incontri saranno sempre di due giorni, un fine settimana, con cadenza bimensile. Il nostro maestro, non poteva che essere, Sifu Stefano Stefanelli.

Prima di concludere ti lascio un piccolo regalo. L’inizio dell’intervista a Sifu Stefano Stefanelli che sto preparando per voi.

Intervista a Sifu Stefano Stefanelli. Maestro di TaiJiQuan, discipline energetiche e marziali.

D. 1) Sifu, potresti spiegarci nel modo più semplice COSA FAI, in modo che tutti possano  capirlo?

Sifu: È difficile spiegare a parole quello che si fa nella nostra pratica, la comprensione esiste nel momento in cui iniziamo a lavorare sul nostro io in modo attivo, ma sintetizzando a parole direi che attraverso le discipline che pratico e insegno ricerco la consapevolezza e una vita in efficienza ed armonia

D. 2) Perché pensi che il  Tai Ji Quan possa essere così importante per il nostri  amici, in che modo pensi che li tocchi da vicino?

Sifu: Il Tai ji è una pratica che si rivolge a tutti indistintamente, genera benessere fisico, restituisce emozioni pure autentiche, garantendo a chi pratica con costanza salute e consapevolezza

D. 3) Cos’è che ti ha spinto a INIZIARE il tuo percorso nel campo delle discipline energetiche?

Sifu: Ho iniziato la ricerca nel campo delle discipline energetiche perché studiavo da tanto tempo le arti marziali. Ad un certo punto mi sono reso conto che spesso a queste discipline mancava la parte più importante, il lavoro e lo sviluppo dell’energia interna.

Il lavoro sullo sviluppo dell’energia interna è alla base di ogni disciplina orientale, infatti tutti ne parlano ma pochissimi hanno gli strumenti per incrementarla.

Nutrire le loro arti marziali di vera efficacia, senza che restino soltanto un insieme di tecniche. Questo è stato il motivo di inizio.

Poi praticando, ho compreso come lo studio delle discipline energetiche, sia alla base di una vita vissuta in piena armonia , in salute e in piena efficienza psicofisica.

D. 4) Come sei arrivato a decidere finalmente che questa era la TUA strada?

Sifu: Praticando le discipline energetiche ho toccato con mano come, non poteva esservi per me, altra strada per una crescita continua e una vita finalizzata all’evoluzione.

D. 5) Se qualcuno dei nostri amici decidesse di iniziare OGGI con la pratica, come potrebbe cambiare la sua vita nei prossimi 30 giorni? Nei prossimi 3 mesi? Nel prossimo anno? Nei prossimi 3 anni?

Sifu: La pratica costante migliora la qualità della nostra vita da subito, nel momento stesso in cui iniziamo praticare se ne sentono i benefici che ci accompagnano per sempre.

D. 6) –  Quanto ti ci è voluto per raggiungere il tuo attuale livello di successo nelle tue pratiche energetiche e marziali? Cosa vorresti dire a coloro che hanno già provato, non hanno avuto successo e sono sul punto di “mollare”?

Per raggiungere un buon livello non è importante il tempo di pratica, ma soprattutto cosa si pratica e come.
Il consiglio che do a chi si sente scoraggiato è di non mollare, ma magari di guardarsi attorno e scegliere un guida che sia realmente valida e possa trasmettere la via marziale autentica.

D. 7) – Quali sono gli errori che bisognerebbe assolutamente evitare, per massimizzare i propri sforzi e progredire velocemente nella pratica ? Quali sono, a tuo parere, gli errori più diffusi nella pratica?

L’errore più comune da evitare è quello di cadere nei condizionamenti esterni che spesso ci tengono fuori dal nostro io più profondo e non ci consentono di progredire, il secondo è quello di scegliere pratiche e discipline e insegnanti che non sono in grado di aiutarci a fiorire.

D. 8) – Qual è il principale errore che tu hai commesso quando hai iniziato?

Il più grande errore che ho commesso è stato quello di lasciarmi condizionare nelle scelte, questo mi ha tenuto per un po’ di tempo ai margini della pratica e della mia vita.

D9 – Sei largamente riconosciuto come un esperto nelle pratiche marziali ed energetiche; ma tu pensi veramente che CHIUNQUE possa riuscirci?  E se sì, COME?

Tutti possono raggiungere grandissimi risultati seguendo il nostro sistema, la cosa importante è praticare con costanza e serenità la parola d’ordine è Gong Fu (lavorare sodo).

Prossimamente farò delle altre domande a Sifu Stefano Stefanelli  e aggiornerò questo articolo o ne scriverò uno nuovo.

Se hai domande per Sifu Sfeano Stefanelli le puoi fare qui sotto nei commenti. Girerò le domande al maestro.

Se questo articolo ti è piaciuto condividilo con i tuoi amici. Mi farebbe molto piacere, anche, un tuo commento qui sotto. Grazie.